Comune di Cambiano

*áDichiarazione di nascita

 


Responsabile:
Maddalena CHIESA

Ripartizione:
Servizi Demografici - Piano Terra

Email:
anagrafe.elettorale@comune.cambiano.to.it

Apertura al Pubblico:

 

Lunedì 09.00 - 12.30 / 16.30 - 17.30
Martedì 09.00 - 12.30 / 14.00 - 15.00
Mercoledì 09.00 - 12.30 / 17.00 - 19.00
Giovedì 09.00 - 12.30 / 14.00 - 15.00
Venerdì 09.00 - 12.30 / 14.00 - 15.00
Primo Sabato del mese   09:00 - 12:00 (escluso agosto)  


Descrizione
 

E' la denuncia obbligatoria per legge, della Dichiarazione di nascita di ogni nuovo nato, per l'iscrizione dello stesso nel registro comunale dello stato civile.

Chi può richiederlo
1) Se il bambino è nato da genitori regolarmente sposati o viene riconosciuto
da uno solo dei genitori la denuncia di nascita deve essere presentata:
a) da uno dei genitori davanti al Direttore sanitario dell'istituto in cui è avvenuta la nascita entro tre giorni dalla data del parto;
b) da uno dei genitori davanti all'Ufficiale di Stato Civile del comune di residenza della madre entro dieci giorni dalla data del parto;
c) da uno dei genitori davanti all'Ufficiale di Stato Civile del comune di nascita entro dieci giorni dalla data del parto

2) Se il bambino è nato da genitori non sposati la denuncia di nascita deve essere presentata:
(a) da entrambi i genitori congiuntamente davanti al Direttore sanitario dell'istituto in cui è avvenuta la nascita entro tre giorni dalla data del parto;
(b) da entrambi i genitori congiuntamente davanti all'Ufficiale di Stato Civile del comune di residenza della madre entro dieci giorni dalla data del parto;
(c) da entrambi i genitori congiuntamente davanti all'Ufficiale di Stato Civile del comune di nascita entro dieci giorni dalla data del parto

Casi Particolari
1) Prericonoscimento: E' possibile prericonoscere il figlio naturale nascituro da parte della sola madre o da parte di entrambi i genitori, previa esibizione del certificato di gravidanza e previo appuntamento.
Il prericonoscimento non può essere effettuato dal solo padre.
2) Denuncia di nascita resa dopo i 10 giorni: Le dichiarazioni di nascita rese dopo i 10 giorni sonosegnalate alla competente Procura della Repubblica
3) Genitori Stranieri senza residenza italiana: Devono effettuare comunque la denuncia di nascita, la quale non dà diritto all'iscrizione automatica del bambino nell'anagrafe della popolazione residente ma consente di chiedere il certificato e l'estratto di nascita.
4) Bambini nati morti Se il bambino è nato morto prima delle 28 settimane di gestazione viene considerato aborto e i genitori non devono fare alcuna denuncia allo stato civile.
L'eventuale autorizzazione al seppellimento del feto dovrà essere richiesta alla ASL competente in relazione al luogo del parto. Dopo le 28 settimane di gestazione il dichiarante, oltre all'attestazione di nascita, dovrà esibire il certificato medico comprovante la premorienza e la settimana di gestazione, rilasciato dall'Ospedale o, se la nascita avviene in una clinica privata o a domicilio, dal medico che ha assistito al parto. Si formerà il solo atto di nascita e l'Ufficiale di Stato Civile rilascerà il permesso di seppellimento.
Se il bambino nasce vivo e poi muore (anche prima delle 28 settimane di gestazione) sarà necessario formare sia l'atto di nascita che quello di morte con la procedura predetta (esibizione dell'attestazione di nascita,certiicato medico, avviso di morte, certificato necroscopico e autorizzazione al seppellimento).
5) Nascita Non assitita: E' possibile denunciare la nascita con una dichiarazione sostitutiva nel caso la puerpera non sia stata assistita da personale sanitario ed il dichiarante sia impossibilitato ad esibire l'attestazione
di constatazione di avvenuto parto.

Documenti da presentare
La Denuncia va fatta oralmente e senza senza bisogno di testimoni. Nel caso di denuncia di nascita presentata al Direttore Sanitario non è necessaria alcuna formalità;
Nel caso di denuncia presentata all'Ufficiale di Stato Civile occorre presentarsi con un documento di riconoscimento valido e l'attestazione di nascita rilasciata dal medico;

Norme di riferimento
1) Codice Civile art. 250 e segg.
2) D.P.R. n. 396/2000
3) D.P.R. n.445/2000


Tempi svolgimento Pratica
 

A Vista